A Verona si terranno gli eventi dedicati al 75° anniversario della Vittoria e al XIII Forum Economico Eurasiatico

20 ottobre 2020, Verona, Mosca. Una serie di eventi che dureranno fino a venerdì inizia oggi a Verona (Italia) su iniziativa dell'Associazione Conoscere Eurasia. L'evento centrale sarà il XIII Forum Economico Eurasiatico.

Il 20-21 ottobre è previsto un grande programma culturale dedicato al 75° anniversario della Vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. Nella città di Caldiero, vicino a Verona, si terrà l'Assemblea della memoria del partigiano sovietico Vladimir Tulisco, che combatté contro gli invasori nelle file della Resistenza italiana e morì il 25 aprile 1945. È prevista la sepoltura dei resti dell'eroe e l'apertura di un monumento creato in collaborazione dello scultore italiano, Matteo Cavaioni, con una giovane artista russa, Nadezhda Golysheva. All'evento prenderanno parte personalità italiane e russe.

Nella piazza centrale di Verona sarà inaugurata una mostra fotografica dedicata agli eventi chiave della guerra, creata con il sostegno società di investimento “Reghion”. In collaborazione con lo studio cinematografico “Mosfilm” si terrà un Festival di film sulla guerra. Nel programma sono incluse opere di produzione sovietica, russa, italiana, americana e britannica. È prevista una conferenza scientifica di storici sul tema del 75° anniversario della Vittoria. Il punto culminante del programma sarà il concerto “Canzoni della nostra Vittoria”, interpretate dal famoso collettivo russo “Coro Turezkij”.

I 22-23 ottobre si terrà il XIII Forum Economico Eurasiatico, il cui tema principale sarà la “La nuova realtà dell'economia globale dall'Atlantico al Pacifico”. In condizioni di pandemia del coronavirus si svolgerà in un formato ibrido che prevede sia la presenza fisica di una parte dei partecipanti e dei relatori, sia la videoconnessione di altri. Allo stesso tempo, saranno rigorosamente rispettate le norme sanitarie stabilite dalle Autorità italiane, che hanno limitato sostanzialmente il numero di persone presenti.

Gli organizzatori dell'evento sono l'Associazione non-profit italiana Conoscere Eurasia, la Fondazione Roscongress e il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo con il sostegno del Gruppo Intesa Sanpaolo e Banca Intesa, Rosneft, Gazprombank, Bank VTB, “Reghion”, Moscow Credit Bank, “Lex Systems”, Accenture, Coeclerici, Assicurazioni Generali.

Il Forum vedrà la partecipazione di personalità pubbliche, rappresentanti del mondo degli affari, diplomatici, esperti, giornalisti di diversi Paesi. In apertura ai partecipanti si rivolgeranno il Ministro dello sviluppo economico italiano, Stefano Patuanelli, e il ministro dell'industria e del commercio russo, Denis Manturov, dirigenti di grandi aziende e banche, associazioni imprenditoriali, esperti.

Il programma del forum di Verona è previsto per due giorni. Sono programmate otto sessioni. Al centro dell'attenzione saranno i problemi dell'energia, della finanza, dei progetti infrastrutturali, dello sviluppo di un dialogo dall'Atlantico al Pacifico. Tenendo conto della la pandemia, saranno discussi i problemi attuali di salute pubblica e della genetica. Ci sarà anche una discussione sul tema dei modi per superare le disuguaglianze sociali.

“Tenere il Forum in presenza, anche parzialmente, ne fa un evento unico nel 2020, ha dichiarato il Presidente di Banca Intesa, Presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico. Ora siamo riuniti a Verona, fisicamente non in tanti come di consueto, ma in molti se teniamo conto dei videocollegamenti. Nello potrebbe essere un esempio per le altre attività nell’attuale contesto difficile”. Ha espresso un ringraziamento speciale ai Governi di Italia e Russia per il loro sostegno all'organizzazione del Forum.

Il Presidente ha sottolineato che la discussione dei problemi di intensificazione della cooperazione nello spazio della Grande Eurasia, sull’unione delle forze per combattere le sfide comuni è molto importante nelle condizioni attuali. “Unendoci, possiamo contare su risposte adeguate e inclusive, che contribuiscano ad uscire da questa crisi totale e senza precedenti in una migliore forma di prima”, ha concluso.

Verso l'alto