Banca Intesa e la CCI della Federazione Russa hanno organizzato il seminario “Russia ed Europa: nuove sfide per la cooperazione internazionale e per sconfiggere la pandemia”

19 febbraio 2021, Mosca. Oggi presso la Camera di Commercio e Industria della Federazione Russa a Mosca si è tenuto il II seminario “Russia ed Europa: nuove sfide per la cooperazione internazionale e per sconfiggere la pandemia”. Era organizzato in un formato misto, tenendo conto delle norme sanitarie e amministrative in vigore durante la pandemia. Per i partecipanti a distanza era stata allestita la sua trasmissione in diretta su internet.

Il seminario è stato organizzato dalla Banca Intesa e dalla Camera di Commercio e Industria (CCI) della Federazione Russa, con il sostegno dell'Associazione Conoscere Eurasia, della Fondazione Roscongress, della Camera di Commercio Italo-Russa, dell'Unione Russa degli Industriali e degli Imprenditori, dell'Associazione degli Imprenditori Italiani in Russia GIM Unimpresa.

Ai partecipanti si sono rivolti il Presidente della CCI, Sergey Katyrin, la Direttore Generale del Russian Export Center, Veronica Nikishina, l’Ambasciatore d'Italia in Russia, Pasquale Terraciano, il Presidente dell'Unione Russa degli Industriali e degli Imprenditori, Alexander Shokhin, il Vicepresidente della Banca Eurasiatica di Sviluppo, Tigran Sargsyan, i dirigenti delle Camere di Commercio Belga-lussemburghese, Russo-tedesca, Italo-russa ed altre personalità.

In una sessione speciale è intervenuto il Presidente della Fondazione Italianieuropei, Presidente del Consiglio dei Ministri d'Italia (1998-2000) Massimo D'Alema, che si è connesso in videoconferenza da Roma.

In discussione sono stati portati tre temi: La cooperazione industriale e i modi per rispristinare la crescita economica; Cambiare il ruolo delle istituzioni finanziarie nel contesto delle restrizioni sanitarie e amministrative e lo sviluppo di nuove tecnologie; Sviluppo del commercio e cooperazione economica nel campo della medicina e della farmacologia. Sono intervenuti i rappresentanti di numerose grandi aziende russe ed europee e di organizzazioni imprenditoriali.

Ai partecipanti è stato inoltre presentato uno studio preparato da Banca Intesa, “L’impatto della pandemia sull’attività degli imprenditori stranieri in Russia”.

“Il seminario si tiene in un formato misto, con la presenza della maggioranza dei relatori e di una parte dei partecipanti, evidentemente, seguendo tutte le norme sanitarie ed amministrative in vigore a Mosca, ha detto il Presidente di Banca Intesa e dell’Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico. Nei mesi scorsi siamo stati costretti a condurre gli eventi pubblici e negoziati tramite schermi e sistemi digitali. Purtroppo non possono pienamente sostituire gli incontri personali, che sono così importanti per il successo del business.”
Verso l'alto