A Kazan sono stati premiati i vincitori del premio letterario russo-italiano Raduga

18 giugno 2021, Kazan. Oggi nel Municipio di Kazan si è tenuta la cerimonia di premiazione dei vincitori dell'annuale premio letterario italo-russo Raduga destinato ai giovani scrittori e traduttori provenienti da Russia e Italia. Il premio viene assegnato per la dodicesima volta.

Nella categoria “Giovane scrittore” i vincitori sono: Artemio Leontiev (Russia) per il racconto “Sono la tua mamma” e Beatrice Salvioni (Italia) per il racconto “Avere fede”, mentre nella categoria “Giovane traduttore” – Vladislava Sycheva (Russia) per la traduzione del racconto di Beatrice Salvioni e Federico Borrelli (Italia) per la traduzione del racconto di Anna Berezovskaya “Il ricordo di generazione in generazione”.

“Anche a questa sua dodicesima edizione, malgrado la pandemia, ha partecipato un numero considerevole di giovani, sia in Russia, che in Italia, ha detto il Presidente di Banca Intesa e dell’Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico. I giovani finalisti si sono dimostrati versatili ed espressivamente poliedrici, caratterizzandosi per la ricerca del senso profondo per la vita, per l’amore della libertà, il culto dell’arte, per la memoria storica da trasmettere alle nuove generazioni e per l’impegno civile.”

Al XII Premio russo-italiano Raduga sono state presentate 467 opere. Gli scritti dei finalisti sono pubblicati nel 12° numero dell'Almanacco letterario pubblicato dall'Associazione Conoscere Eurasia. Banca Intesa metterà on-line una versione elettronica dell'Almanacco sul suo sito, nella sezione “Progetti Culturali”.

L'obiettivo del Premio Raduga è di sostenere la creatività di giovani autori e traduttori russi e italiani, le cui opere riflettono con più completezza e valore artistico i processi che si svolgono nella società moderna. La valutazione delle opere presentate è gestita da una giuria autorevole composta da celebri personalità del mondo della cultura dei due Paesi.

Il premio letterario Raduga esiste dal 2010. È stato fondato dall'Associazione Conoscere Eurasia e dall'Istituto letterario A.M. Gorky, con la partecipazione della Fondazione “Russky Mir” e con il sostegno della Banca Intesa e della Gazprombank.

 

Verso l'alto